martedì 20 febbraio 2018

GRIMNER - Vanadrottning

"Vanadrottning”

Release Date: on February 9th 2018

LabelDespotz Records

Country: Sweden

Genre: Folk Viking Metal

Tracklist:
1. Vanadrottning
2. Avundas Hennes Ungdom
3. En Fallen Jatte
4. Kvallningssang
5. En Vilja Av Jarn
6. Fafnersbane
7. Vart blod, vara liv
8. Dodens dans
9. Agers Salar
10. Sangen Om Grimner
11. Freja Vakar

I Grimner sono una band svedese fondata nel 2008 che propone un’interessante fusione di folk e heavy metal. Hanno all’attivo diversi ep (tra cui l’acustico De Kom Fran Norr”) e due full lenght (“Blodshymner” del 2014 e “Frost Mot Eld” del 2016) grazie ai quali hanno guadagnato una certa popolartà in madrepatria, tanto da meritare un tour di spalla ai Korpiklaani.

Con Vanadrottning i Grimner pubblicano quello che, probabilmente, è il lavoro più maturo e completo della loro discografia. Si tratta di un concept, in cui si narra la storia della dea Gullveig e della guerra tra Aesir e Vanir.
La music passa da episodi violentissimi al limite del death metal ad altri melodici ed epici, in cui la voce del nuovo arrivato Martin Welcel fa un’ottima figura. In tutte le tracce si fa ampio uso di strumenti folk tradizionali quali cornamusa, mandola e flauto, che associati ai potenti riffs del leader Ted Sjulmark e al tappeto di tastiere (mai invadente ma sempre presente) di Kristoffer Kullberg creano atmosfere eroiche davvero coinvolgenti.

Tracce quali “En Fallen Jatte” o la title-track evocano immagini di campi di battaglia innevati e vichinghi assetati di sangue, i Bathory di “Nordland” possono essere un termine di paragone, ma i Grimner riescono comunque ad essere sufficientemente personali. 
Forse non siamo ancora ai livelli dei Tyr (campioni incontrastati del viking metal) ma Vanadrottning è nel suo genere un lavoro di tutto rispetto… 

7,5/10
Andrea

Line-up:
Ted Sjulmark – guitar, vocals (growl)
Martin Welcel – guitar, vocals (clean)
David Fransson – bass
Henry Petersson – drums
Johan Rydberg – flute, mandola, bagpipes
Kristoffer Kullberg – keyboards

www.grimnerband.com

LOWBURN - EP "Sleeping Giant" disponibile su Argonauta Records


Dopo l’acclamato album “Doomsayer”, gli Stoner Rockers finlandesi LOWBURN sono tornati con un nuovo EP digitale intitolato “Sleeping Giant”, preludio del loro nuovo lavoro in studio.

Inoltre c’è stato un cambio di line-up: scorsa estate Miika ha lasciato il gruppo ed è stato sostituito Antti Vesikko.

L’EP "Sleeping Giant" è disponibile attraverso Argonauta Records e può essere ascoltato QUI


lunedì 19 febbraio 2018

SKINDRED Release First Music Video For Track “Machine”!


“Big Tings” coming April 27th 2018!

Big songs, big sound, big tings!
"Machine" is the first single from SKINDRED’s upcoming album entitled “Big Tings” – out on April 27th 2018 via Napalm Records.
The band has already released a first album appetizer in the form of a teaser for the track “Machine”. Now it’s time to unleash the full music video which features actor and stunt man Neil Chapelhow best known for his work in new films Wonder Woman, Fantastic Beasts and where to find them, The Commuter, King Arthur and many more.
The band states:
When we were told we were doing a video with the stunt team thats be behind the marvel films, James Bond and the Bourne films we knew we were in for a good time on the shoot! Throw in Gary from Reef and one of our fav bars in London (Big Red) and you have the ingredients for a really fun video! The idea is don’t judge a book by its cover. Skindred is inclusive. Not Exclusive. So when someone in a rock bar is being teased by some “rockers” for not being the same as them, he hits back! In a big way!“


“Machine” has already been used as both the intro and outro theme to ACDC frontman Brian Johnson's TV show 'Cars that Rock’ Worldwide and features Reef frontman Gary Stringer lining up alongside the band's own Benji Webbe on co-vocals and if that is not enough the single also features Motorhead/Bastard Sons guitarist Phil Campbell taking the honours on the guitar solo too!
Meanwhile SKINDRED shot some exclusive behind the scenes Studio footage while recording their new album “Big Tings” at Peter Gabriels Real World studio in the village of Box, near Bath. View the band's album teaser HERE!
Keep your eyes and ears open for many more info and details to be unveiled soon!

SKINDRED Line-up:
Benji Webbe: Vocals
Mikey Demus: Guitar
Dan Pugsley: Bass
Arya Goggin: Drums



SINK THE SHIP - firmano per SharpTone Records; pubblicano il video di 'Domestic Dispute'


I SINK THE SHIP di Cleveland, che hanno appena firmato un contratto con SharpTone Records, sono felici di aver dato in esclusiva ad AltPress.com la bellissima nuova canzone e video di 'Domestic Dispute'! La traccia vede la partecipazione di Bert Poncet (CHUNK! NO, CAPTAIN CHUNK!) come cantante ospite. Scoprirai maggiori dettagli sull'album di debutto su SharpTone Records nelle prossime settimane.

SINK THE SHIP - 'Domestic Dispute' feat. Bert Poncet (CHUNK! NO, CAPTAIN CHUNK!) Official Music Video: www.sinktheshipband.com

Acquista la canzone 'Domestic Dispute' QUI

Markus Staiger (Nuclear Blast CEO / SharpTone Records Co-Founder) afferma: "I SINK THE SHIP hanno prodotto il migliore debutto metalcore melodico! Hanno creato un album epico con un mix eccezionale di metalcore, pop punk e post-hardcore!"

Colton Ulery (voce nei SINK THE SHIP) aggiunge anche: “I SINK THE SHIP hanno preso una pausa nel 2017 per consolidare le basi della band.  Durante quel periodo, la SharpTone ha preso contatti con me e abbiamo iniziato a inviare nuovo materiale. Siamo così emozionati di tornare e insieme a loro. L'esperienza con l'etichetta è sicuramente qualcosa di cui vantarsi. Uno staff fenomenale che lavora duramente." 

"Il video di 'Domestic Dispute'  è stato spassoso da filmare. Il testo è molto personale e sono contento di aver preso un argomento così impegnativo e averlo trasformato in divertente. Abbiamo girato il video in Francia mentre stavamo registrando. Il concept è carino perchè abbiamo girato in una casa e sembra davvero che io sia nel mezzo di questa "disputa" ed esterni tutti i miei problemi rivolgendomi alla telecamera."

"Abbiamo avuto l'onore di creare questo album con Bert ed Eric Poncet dei Chunk! No, Captain Chunk! Abbiamo parlato di fare un pezzo in collaborazione con Bert e dopo aver ascoltato tutte le canzoni abbiamo deciso per 'Domestic Dispute.' Lavorare con quei ragazzi è stupendo. La qualità dello studio e l'ospitalità sono state più che eccezionali."

I SINK THE SHIP sono piombati nel 2012 sulla scena heavy underground con il loro energico, possente e illuminante post-hardcore e pop-punk misto a metalcore — e da allora non si sono fermati, sempre più forti. In due anni, la band ha voluto pubblicare la prima opera di debutto, 'Reflections', un affascinante EP che la dice lunga sulla dedizione della band a creare musica sincera e di grande valore in termini di potenza e passione emotiva.

Line-up:
Colton Ulery // voce
Brandon Knerem // chitarra
Zakk Godare // basso
Zac Fox // batteria

MANGOG – al lavoro sul nuovo album


Dopo aver completato una serie di concerti, incluso il 50° show della loro carriera, per i MANGOG è giunto il momento di iniziare le lavorazioni del seguito di “Mangog Awakens” con la nuova formazione, che ha debuttato a settembre 2017.  
La band sta anche lavorando a un nuovo video.
Il nuovo album uscirà per ARGONAUTA Records.

SUPERNAUGHTY – il nuovo album in streaming. “Vol.1” è nei negozi!


Gli Heavy Rockers italiani SUPERNAUGHTY offrono in streaming il nuovo album su THE OBELISK.



SUPERNAUGHTY “Vol.1” è disponibile in CD/DD su ARGONAUTA Records e può essere acquistato QUI


sabato 17 febbraio 2018

LUCA NEGRO - Joy Of Life

"Joy Of Life"

Release Date: on 21 November 2017

Country: Italy

Mixed & Mastered by Federico Maraucci
Cover art by Eddy Talpo

Track List:
01 Joy of life
02 Soul
03 Notturno
04 Sant Climent








Spesso ci domandiamo che tipo di musica ascolti un artista quando è sceso dal palco. 

Nel caso del chitarrista dei Temperance Luca Negro, nonostante una matrice metal ben percepibile, il disco solista Joy Of Life è un tributo alle emozioni. Quattro composizioni che demoliscono il concetto di linea vocale per assaporare la delicatezza del suono; un distillato di riff avvolgenti dolcemente sfiorati sulle corde della chitarra che rimangono in bilico tra grazia e potenza. Un lento e inesorabile crescendo di sound che gravita attorno al fascino del progressive rock, culminando nelle melodie celestiali strappate dall'estasi dei Pink Floyd.

Il punto focale di questo EP è l’alternanza tra sonorità corpose e graffianti - soprattutto nella sezione ritmica - e rimembranze dal sapore hard rock, a loro volta filtrate e rinvigorite da una fantasiosa diversificazione melodica di stampo prog.

Una sorta di rapporto interdipendente sembra legare l’artista al suo strumento, con il quale si identifica per dare libero sfogo alle proprie emozioni, concentrandosi prevalentemente sull'idea di scrivere ed eseguire un disco coinvolgente e libero da ogni condizionamento di stile.

Un album genuino di un uomo che ama la musica.

7.5/10
Michela (Anesthesia)